“OLIMPIA, HO PERSO L’AEREO” E SI COMINCIA SENZA COACH

È iniziata nell’insopportabile afa milanese la stagione 2011-2012 dell’Olimpia Milano che nella sua “cittadella work in progress” del Lido ha svolto il primo allenamento. Come spesso succede in questi casi sono le assenze a colpire, ma sono più che giustificate quelle dei vari Mancinelli, Bourousis, Fotsis e Cook, impegnati con le loro nazionali per preparare l’Europeo, mentre alla fine non ce l’ha fatta coach Sergio Scariolo a fare la sua toccata e fuga dal ritiro della sua Spagna visto che per un inconveniente al volo che avrebbe dovuto portarlo a Milano ha dovuto rinunciare al suo passaggio in città. «Mi è dispiaciuto molto – ha detto lo stesso coach in un messaggio sul sito dell’Olimpia -purtroppo sono rimasto vittima di un disservizio aereo e non sono potuto arrivare a Milano. Sono tranquillo, abbiamo uno staff molto qualificato e giocatori ambiziosi per una stagione di altissimo livello». Folto comunque il gruppo di giocatori agli ordini di Fabrizio Frates che insieme ad Alberto Rossini (presente anche Mario Fioretti che poi raggiungerà gli azzurri direttamente in Grecia per il torneo dell’Acropolis), guiderà la squadra fino a quando Scariolo sarà impegnato con la Spagna, presumibilmente fino alla metà abbondante di settembre (gli Europei finiscono il 18). Per questo poi i biancorossi faranno un altro ritiro a Marbella, in Spagna, dal 23 settembre al 2 ottobre – proprio per velocizzare il processo di conoscenza reciproca con i vari Nazionali che si aggregheranno e il nuovo allenatore – con una serie di quattro amichevoli già programmate. Il primo approccio con il campo è stato con coach Frates che ha spiegato i principi base dall’attacco biancorosso con un quintetto formato da Giachetti, Nicholas, Hairston, Radosevic e Rocca che ha provato, in modo non agonistico, a mettere in pratica i dettami di gioco. Poi un’oretta abbondante di preparazione fisica con Max Arnioni, monitorati dal cardiofrequenzimetro, con il solo Nicolò Melli a fare un po’ di lavoro differenziato a causa del problema al piede destro rimediato in Nazionale. Poi i vari giocatori tra cui Rocca (il primo a entrare in palestra a inizio allenamento), Hairston, Nicholas, Radosevic, Giachetti, Viggiano, Melli e Filloy, con gli aggregati la Under 19 (Piva, Mantelli, Resca, Amato, Bartoli, De Bettin) e le novità Szabo, Di Giuliomaria e Cukinas, sono stati accolti dall’affetto dei tifosi che non hanno voluto rinunciare a conoscere i beniamini con la nuova canotta griffata EA7. Un incontro gioviale con una buona dose di entusiasmo nella tensostruttura del Lido, utilizzata vista la capienza ultra-ridotta della “palestra secondaria”. (Gabriele Pugliese)

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*



4 − due =